Lo spettacolo nasce e si sviluppa dalla riflessione sul rapporto donna/specchio, mettendo a nudo le tante sfaccettature che un individuo cela: fragilità, sensualità, forza, bellezza, follia, invidia, purezza, falsità…. per concludersi col rapporto diretto col proprio io..o me in un altro..e forse..ci si vede veramente più nell’altro, nelle diversità, nelle uguaglianze, nel “come vorremmo essere o non essere”.
Una conseguenzialità di scene che mostrano attraverso la danza quadri, immagini, azioni, l incoscienza nel guardarsi di una donna, non ancora sbocciata , ancora capace di non inquinare la verità, la capacità e la velocità di cambiamento di una donna e l immagine che lei vorrebbe proiettare agli altri di se stessa.

ideazione ,Coreografie e interpretazione:
Simona Fichera , Mariella e Serena Cavalli

Con:
Serena Raciti, Alessandra Gandolfo, Francesca Sacco, Denise Pennisi, Giulia Cavallaro